Le tensioni USA-Cina stimoleranno un’ondata di IPO di Hong Kong?

C’è molto da aspettarsi nei prossimi anni mentre la Cina e il mondo occidentale guidato dagli Stati Uniti si scontrano sul commercio. La guerra commerciale USA-Cina stimolerà un’ondata di IPO di Hong Kong? C’è spazio per un grande settore finanziario nella Repubblica popolare cinese? Tutte queste domande preoccupano da tempo gli specialisti cinesi, ma non c’è ancora una risposta chiara.

La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina provocherà un crollo del mercato azionario di Hong Kong? L’ultimo decennio ha dimostrato che una guerra commerciale non porta automaticamente a una recessione, poiché non ha avuto ripercussioni sull’economia americana. Ma una guerra commerciale complica certamente il commercio e gli investimenti nella regione. Se le tensioni continueranno, sorgerà sicuramente la questione di un governo centrale di Pechino coinvolto nelle guerre commerciali. Ciò potrebbe innescare una recessione economica in Cina e far aumentare il tasso di cambio.

Ci sono molte teorie su questo problema, con alcuni esperti che incolpano tutti gli Stati Uniti, specialmente dopo il crollo dell’economia giapponese nel 1997. Alcuni dicono che il crollo della bolla giapponese sia stato dovuto all’eccessivo commercio da parte delle società giapponesi. Hanno permesso la vendita di troppi titoli sui mercati esteri e sono stati successivamente costretti ad accettare enormi perdite. I cinesi non hanno seguito questa strategia e il commercio eccessivo è diventato un problema. Ora gli Stati Uniti potrebbero essere coinvolti in una situazione simile a causa delle sue attività commerciali all’estero.

La guerra commerciale non è l’unico scenario che potrebbe innescare un rallentamento dell’economia cinese. La spesa dei consumatori rallenta anche quando c’è un aumento della disoccupazione. Ciò costringerà ulteriormente il governo centrale a stringere la cinghia per compensare la perdita di capacità produttiva a un ritmo molto rapido. E questo potrebbe portare a ulteriori crepe nella struttura finanziaria del paese.

La guerra commerciale Usa-Cina scatenerà un’altra recessione globale? Ciò significherebbe una recessione negli Stati Uniti e in tutte le altre economie messe insieme. Se l’economia cinese subisce un colpo, che effetto avrà sul commercio mondiale? Anche l’economia americana subirà una battuta d’arresto? Le tariffe imposte dall’amministrazione statunitense potrebbero far riconsiderare alla Cina le sue politiche economiche aggressive?

Questo potrebbe essere un serio problema per l’economia statunitense e per il dollaro. Quale sarebbe la conseguenza se la Cina rimuovesse improvvisamente il dollaro come valuta internazionale? L’economia americana potrebbe essere devastata? Come reagirà il commercio mondiale? Questa è la domanda a cui bisogna rispondere.

Le Nazioni Unite hanno già affermato che la guerra commerciale potrebbe sfociare in una guerra mondiale. La Cina e gli Stati Uniti potrebbero iniziare una guerra commerciale? Se sì, gli Stati Uniti saranno coinvolti in quella guerra? Vedremo presto.

La guerra commerciale Usa-Cina causerà una recessione negli Stati Uniti? La risposta a questa domanda dovrebbe essere posta da coloro che prevedono che potrebbe scoppiare una guerra del genere. Una tale recessione potrebbe colpire l’economia americana tanto quanto una Grande Depressione. Mentre i dati sulla disoccupazione aumentavano negli anni ’30, il presidente Hoover invitò la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti a passare una dichiarazione di guerra contro la Germania.

Sarebbe stato in qualche modo correlato alla rimozione del dollaro da parte del governo cinese come valuta? La guerra commerciale fa anche il gioco della Cina e della sua capacità di continuare ad aumentare il potere economico. Anche la Cina ha mostrato i suoi muscoli economici poiché ha colto opportunità in tutto il mondo. L’economia cinese sarà colpita dalla guerra commerciale e che effetto avrà sull’economia statunitense? Questa è la domanda che dovrebbe essere posta.

La Cina utilizzerà la guerra commerciale per impadronirsi delle economie dollarizzate degli altri paesi che si trovano nello stesso emisfero della Cina e rimuovere così il dollaro come valuta internazionale? Difficile dirlo a questo punto. Le forze militari statunitensi saranno trascinate in uno sfortunato pantano in Medio Oriente e forse intensificheranno uno scontro militare con l’esercito cinese? Questa è un’altra domanda a cui si dovrebbe rispondere.

La Cina utilizzerà la guerra commerciale per cercare di tenere sotto controllo l’economia americana e allo stesso tempo ottenere più posti di lavoro nel settore manifatturiero per la propria economia e quindi aiutare a riprendersi dalla recessione globale che ha aiutato a iniziare installando un libero mercato nell’economia cinese? La crescita della Cina potrebbe influenzare anche le economie delle altre nazioni che sono attualmente nostri partner commerciali nell’Asia-Pacifico? Gli Stati Uniti possono aggiustare il loro deficit commerciale con queste nazioni asiatiche al punto da creare una tripletta America Corea-India?

La Cina utilizzerà la guerra commerciale per fare pressione sugli Stati Uniti affinché cambino la sua politica commerciale o semplicemente aspetterà che gli Stati Uniti si siano un po’ raffreddati e poi applicherà di nuovo la stessa pressione? La Cina utilizzerà la prossima stagione dei tifoni per applicare un’altra serie di dazi sull’esportazione di automobili dagli Stati Uniti? In caso affermativo, questo sarà un altro round di guerre commerciali? Questo è uno scenario di cui dovremo osservare e determinare le conseguenze, ed è uno scenario che predice davvero un futuro molto incerto.