Previsioni fondamentali per il quarto trimestre delle azioni: incertezze a breve termine ma a lungo termine

Il terzo trimestre del 2021 è stato un altro proficuo per il Dow Jones Industrial Average poiché l’S&P 500 ha registrato il suo ottavo mese consecutivo di guadagni. Tuttavia, problemi fondamentali con gli Stati Uniti l’economia ancora incombe, ei dubbi sulla sostenibilità dei livelli del debito americano continuano a crescere tra gli investitori azionari. Anche con le notizie economiche positive, gli analisti finanziari stanno valutando con commenti ribassisti sugli Stati Uniti. capacità dell’economia di superare il problema del credito. Parliamo del secondo trimestre e di cosa potrebbe aspettarci il mercato…
Aziende a breve termine: le aziende a breve termine molto probabilmente continueranno a fare meglio di quelle a lungo termine, poiché molti dei loro profitti provengono dai dividendi. Tuttavia, non è raro che alcune società a breve termine perdano slancio mentre il ciclo del credito si restringe e devono fare più affidamento sulla forza interna per aumentare lo slancio. Ecco i primi cinque titoli più sicuri sul mercato (in ordine decrescente di prezzo): JC Penny, American Express, MasterCard, McDonald’s e Wells Fargo.
Non così forte come negli ultimi trimestri, il mercato azionario ha visto volatilità negli ultimi due mesi. Sembra che i problemi del debito europeo stiano avendo un impatto sugli Stati Uniti. anche i mercati, anche se a questo punto non ci sono prove chiare che questo sia il caso. Il mercato europeo mostra segnali di ripresa, ma gli USA. sta reggendo il passo fino ad ora. Cosa significa questo per gli Stati Uniti non è chiaro a questo punto.
C’è ancora speranza per coloro che cercano forti guadagni a lungo termine. Anche se i problemi europei continuano, il dollaro dovrebbe indebolirsi rispetto ad altre valute, il che dovrebbe aiutare a sostenere il mercato azionario nei prossimi trimestri. Per coloro che sono ancora in disparte, ecco la linea di fondo: c’è ancora speranza, ma le cose potrebbero peggiorare prima di migliorare. A breve termine, i fattori fondamentali stanno sostenendo il mercato azionario nel breve termine, ma le cose sono lungi dall’essere buone.
Il benchmark dell’indice azionario è suddiviso in diversi segmenti, tra cui: Contabilità generale, Materiali, Consumo e Servizi. È una buona idea tracciare l’ampia direzione dei mercati azionari per avere un’idea generale di dove sta andando il mercato. Quando si monitorano i mercati azionari più ampi, è importante ricordare che il segmento dei servizi finanziari include finanza e banche, piuttosto che solo la produzione. Guardando i dati trimestrali per questi tre segmenti, si può avere un’idea di come i mercati azionari potrebbero reagire agli ultimi sviluppi in Europa.
L’Europa sta seguendo per molti versi la stessa tendenza degli Stati Uniti, come menzionato sopra. Tuttavia, è tutt’altro che una situazione priva di problemi. L’Italia e la Spagna hanno recentemente implementato un piano di pagamento del debito di due mesi. Entrambi sono in grave difficoltà, e l’Italia ha messo in atto una misura piuttosto drastica. Anche mercati come Germania e Irlanda stanno seguendo l’esempio e sembrano pronti a fare un tuffo. Con mercati come questo che seguono un percorso così drammatico, i trader di azioni devono essere consapevoli di ciò su cui dovrebbero concentrarsi a breve termine.
Il recente annuncio della Banca centrale europea in merito al suo piano di acquisto di euro e altre valute digitali probabilmente invierà onde d’urto sui mercati come nessun altro evento nella storia. L’impatto sull’Europa sarà enorme, soprattutto perché interesserà tutti i suoi settori orientati all’esportazione. Questo potrebbe rappresentare un grosso ostacolo per l’Europa nel suo sforzo di ristrutturare la sua economia. Questi mercati sembrano aspettarsi un forte pullback dall’Europa e potrebbero rimanere volatili per un bel po’ di tempo. A questo punto è difficile dire se questa mossa sia vantaggiosa o meno, soprattutto perché molti la vedono come qualcosa che li distrarrà dal recupero.
Guardando al lungo termine, ci sono diversi titoli che sembrano destinati a trarne vantaggio. Vale a dire, ci sono diverse industrie che stanno andando bene in Europa, in particolare nel settore manifatturiero. L’acciaio ne è certamente un esempio, ma ci sono anche industrie come l’automotive e la chimica che stanno registrando una forte crescita. Pertanto, questi fattori sembrano supportare l’opinione che potrebbe esserci un buon potenziale per i titoli in Europa a breve termine.