Stati Uniti: gli alloggi hanno subito un calo del 30,2% ad aprile

In un recente post sul blog, abbiamo esaminato il significato dei dati sugli alloggi e il loro confronto con i mesi precedenti. La prima parte di questo blog ha visto dove stanno andando gli alloggi. La seconda parte ha esaminato se stiamo entrando in un momento in cui stiamo iniziando a vedere un declino generale. Oggi vedremo cosa aspettarsi dagli alloggi che iniziano ad andare avanti.

Come abbiamo notato nel nostro ufficio vendite di aprile, gli inizi delle abitazioni sono diminuiti di circa il 30% dal loro picco nell’aprile 2020. Finora abbiamo assistito a un costante declino, anche se l’economia si sta riprendendo. Anche se il mercato immobiliare esiste da molti anni, sembra che il mercato stia diventando più concentrato. È anche interessante notare che quando gli alloggi iniziano a raggiungere un picco, tendono a calare rapidamente nei prossimi due mesi. In effetti, le abitazioni iniziano nella primavera e nell’estate del 2020 sono calate molto rapidamente nei primi due mesi.

Abbiamo visto un po ‘di questo apparente negli ultimi mesi, con le abitazioni che iniziano a diminuire del 30,2% da aprile 2020. Ciò può essere interpretato in diversi modi. Per prima cosa, sappiamo che gli alloggi iniziano generalmente a declinare nei primi mesi dell’anno e non accadrà quest’anno. Pertanto, questa potrebbe essere la prima indicazione che gli inizi delle abitazioni stanno diminuendo in modo significativo.

In effetti, uno dei motivi per cui stiamo assistendo a un declino così drammatico nell’avvio di abitazioni è perché ci sono meno case vendute ad aprile. Non sarei sorpreso se il numero di case vendute in aprile fosse solo leggermente superiore a quello che abbiamo visto nell’aprile 2020. Ciò indicherebbe un calo significativo. Sfortunatamente, è probabile che questa tendenza continui, il che potrebbe significare un notevole declino delle abitazioni inizia nei mesi a venire.

Un’altra tendenza importante da considerare quando si pensa all’attuale mercato immobiliare è l’età degli acquirenti. I compratori più giovani hanno acquistato le loro case più tardi in passato e quando i loro carichi di debito sono diventati più sostanziali, sono stati desiderosi di rifinanziare. Ma questa è diventata un’opzione molto difficile per molti acquirenti più anziani, a causa del fatto che i tassi di interesse sono stati così bassi di recente. Se fai parte di questa categoria, potresti trovarti in difficoltà per il rifinanziamento.

Una delle implicazioni di tutto ciò è che quando guardiamo al mercato immobiliare nel suo insieme, dovremmo aspettarci un declino lento e costante in avanti. Ciò suggerisce che la seconda metà dell’anno vedrà probabilmente un costante declino delle abitazioni iniziate. Ciò è dovuto in gran parte ai finanziatori che rafforzano i loro criteri di prestito. Questi criteri sono principalmente volti a prevenire i prestiti predatori, che hanno causato lo scoppio della bolla immobiliare.

Nel complesso, sembra che ci stiamo dirigendo verso un mercato immobiliare più concentrato, con acquirenti più giovani che possiedono la maggior parte delle case. Man mano che i prestatori stringono i loro criteri di prestito, dovranno diventare più conservatori, soprattutto dato che storicamente questo non è stato un problema. Questi criteri di prestito più rigorosi comporteranno un minor numero di immobili venduti e una riduzione del numero di vendite di case nei mesi a venire.

Si prega di considerare questo prima di qualsiasi investimento immobiliare. Siamo in un mercato molto debole in questo momento e molte persone che stanno cercando di acquistare una casa stanno optando per finanziare i loro acquisti attraverso vendite allo scoperto e altri mezzi. Per favore, considera tutto questo.

Maggiori informazioni sul sito FIBO Group